La storia di Dolomiti Energia

 
 

Dolomiti Energia viene costituita nel 2001 da Tecnofin, Trentino Servizi, NPI (oggi FT Energia) e ISA con l’obiettivo di acquisire le centrali idroelettriche situate in territorio trentino.

Successivamente la compagine sociale si è allargata con la cessione di quote alle altre multiutility presenti sul territorio e alla Fondazione Caritro.

Anche al fine di favorire il raggiungimento dell’obiettivo originario nel 2005 Dolomiti Energia ha acquisito il 10% di Delmi, società controllata da A2A con il 51% e partecipata anche da SEL Bolzano, Enìa e altri soci finanziari, che ha il controllo congiunto di Edison.

Nel 2007 si conclusi con Enel e Edison  gli accordi per l'acquisizione delle centrali idrelettriche.
Nel 2008 l'intesa è diventata esecutiva con la costituzione di due joint-venture (HDE con Enel e DEE con Edison) controllate al 51% da Dolomiti Energia e nelle quali Enel e Edison hanno conferito i rispettivi rami di azienda di produzione idroelettrica della provincia di Trento.

Nel 2008 il Cda di Dolomiti Energia e successivamente l’Assemblea hanno approvato il progetto di fusione con Trentino Servizi